Dove andare in montagna in estate in Abruzzo?

Considerare le montagne abruzzesi esclusivamente come una meta invernale, sarebbe un grande errore. L’immenso patrimonio naturalistico di questa regione la rende perfetta anche (e direi soprattutto, avendo passato molte delle mie estati nelle montagne abruzzesi) per una vacanza estiva in montagna! Perciò vediamo insieme dove andare in montagna in estate in Abruzzo.

Campo Imperatore

Campo Imperatore

Campo Imperatore si trova a 2200 metri d’altezza, incastonato tra i Monti della Laga e il Parco Nazionale del Gran Sasso. Si tratta di un altopiano di grande valore, scelto da un gran numero di turisti per le camminate all’aria aperta, per il trekking e per i pic nic.
Questa zona è famosa inoltre per la sua fioritura di stagione e per un orto botanico. In questo luogo sono conservate circa 300 specie di piante che vivono e sopravvivono esclusivamente in alta montagna.
Inoltre, se siete appassionati di astronomia, non potrete perdere la visita all’Osservatorio Astronomico di Campo Imperatore, una delle località più suggestive d’Italia anche grazie alla sua posizione privilegiata per guardare il cielo e le stelle senza inquinamento luminoso.
La zona di Campo Imperatore è conosciuta come il Piccolo Tibet d’Italia, ecco perché abbiamo deciso di presentarvela come prima scelta.

Lago di Scanno e altri laghi

Lago di Scanno

L’Abruzzo è anche terra di laghi, grandi o piccoli che siano, molto particolari. Nell’altopiano di Campo Imperatore, per esempio, si trova il Lago di Pietranzoni, situato proprio al centro del territorio, che vi permette una vista panoramica e privilegiata sulle montagne circostanti.
Da ricordare sono poi il Lago di Barrea, situato in provincia de L’Aquila a circa 1000 metri di altitudine. È in realtà un lago artificiale ma le sue acque limpide richiamano molti turisti che, in estate, sostano sulle sue rive e nelle sue piccole spiagge attrezzate.
Il Lago più esteso della regione è però il Lago di Campotosto, anch’esso artificiale. Ci troviamo sempre in provincia de L’Aquila e questo lago è letteralmente abbracciato dalle montagne del Gran Sasso. Anche qui è possibile la balneazione, troverete sulle sue rive aree attrezzate per il pic nic e per un bagno nel lago. In più, questa località è molto famosa per gli sport acquatici, se siete appassionati è la meta perfetta. 

Per finire, per chi quando si interroga su dove passare le vacanze estive in montagna in Abruzzo, pensa al lato scenografico e romantico, è impossibile non citare il lago più romantico di tutti, il Lago di Scanno e il suo sentiero del cuore. È il lago naturale più vasto della regione e la sua forma ricorda un grande cuore. Anche questo lago è balneabile ma i turisti lo scelgono spesso per abbinare la visita del lago alla visita del piccolo borgo di Scanno.

Come potete vedere, la scelta è molto varia perciò scegliete il lago che fa al caso vostro (e se avete un po’ di tempo a disposizione, perché non tutti!)

I Parchi e le Riserve Naturali

Parco Nazionale del Gran Sasso d’Abruzzo

Numerosi laghi ed altrettante riserve naturali. Perché in Abruzzo la natura fa letteralmente da padrona. Partiamo dal Parco Nazionale d’Abruzzo, uno dei parchi più estesi di tutta Europa. È una zona protetta molto vasta, nella quale sorgono addirittura 12 comuni. Attraversata dal fiume Sangro è casa di tantissime specie animali protette e di una grande varietà di piante. Insomma, è perfetto per la scoperta dei piccoli borghi e per le passeggiate all’aria aperta.
Non possiamo poi dimenticare il Parco Nazionale del Gran Sasso e quello della Majella, che si estendono per 150mila ettari (il primo) e 75 mila ettari (il secondo). Sono oasi naturali di grande valore ma a differenza del Parco Nazionale d’Abruzzo presentano zone più selvagge ed incontaminate. Ecco perché ve ne consigliamo la visita con la presenza di guide o escursioni organizzate.
Ultimo ma non ultimo, il Parco Sirente Velino, importante area naturalistica ma soprattutto archeologica. In questi luoghi potrete ritrovare testimonianze dell’Abruzzo passato, dalla preistoria all’epoca romana, fino alle colonizzazioni più vicine. Se siete amanti della natura e della storia d’Italia, è sicuramente il Parco più adatto a voi.

Fara San Martino 

Fara San Martino 

Fara San Martino è un piccolo comune situato nella provincia di Chieti. È letteralmente incastonato nel Parco della Majella, anzi, ne è quasi direttamente l’accesso.
Deve il suo nome al Vescovo Martino e la sua fama ai monaci benedettini. È un luogo di grande pace, anche naturalisticamente parlando. Le acque verdi che circondano questi luoghi non sono soltanto suggestive ma sono servite, nei secoli, per la produzione di alcune tra le tipologie di pasta più famose, tra cui la De Cecco.
Molto particolare è il borgo fortificato di Torrevecchia e, soprattutto, il Monastero di San Martino in Valle. Questo edificio si trova letteralmente costruito nella pietra, su una parete rocciosa. Non è più visitabile nella sua forma originale ma oggi si può ammirare il perimetro e il cortile interno. Inoltre, nelle vicinanze del Monastero, vi sarà possibile accedere e visitare le Gole di San Martino, un piccolo canyon incontaminato, reso davvero indimenticabile dalle sue acque cristalline. Insomma, Fara San Martino è il luogo perfetto per una gita fuoriporta estiva, per gli amanti della natura e… della pasta!

La Valle del Sagittario

La Valle del Sagittario

Parlando di piccoli o grandi Canyon, non possiamo dimenticare la Valle del Sagittario e le sue Gole. Questa Valle che si snoda nei Monti Marsicani e vi si può accedere direttamente da Sulmona e dalla strada che le collega. Una volta giunti qui, vi si presenterà uno scenario fiabesco, ricordato e descritto da diversi scrittori tra cui Gabriele D’Annunzio.
La Valle è molto famosa e rinomata per il suo valore naturalistico, di flora e di fauna, e per i suoi paesaggi aspri ma addolciti da piccoli laghi e gole suggestive.
All’interno di questa valle potrete visitare le Fonti di Cavuto, una vera e propria oasi sperduta, protetta dal WWF per la qualità e la quantità delle specie animali presenti.
Infine, non dimenticate di fare un salto alle Gole del Sagittario, un canyon naturale, rimasto incontaminato ed invariato nei secoli, oggi protetto da una riserva naturale che si estende per circa 400 metri. L’itinerario che vi permette di visitarle, e di camminare sulle rive, tra grotte, sponde e laghi, è un percorso ad anello, adatto anche ai meno esperti.
Questi luoghi hanno incantato ed ispirato anche il famosissimo pittore, Maurits Cornelis Escher. Davvero imperdibili, se passate in Abruzzo in estate.

Cascate di Zompo lo Schioppo

Cascate di Zompo lo Schioppo

La Riserva Naturale di Zompo lo Schioppo si trova in località Morino, in provincia de L’Aquila. Al suo interno si trova una delle cascate naturali più alte dell’Appennino, la Cascata di Zompo lo Schioppo appunto. La particolarità di questa cascata è la sua conformazione. Sgorga infatti in verticale da una parete rocciosa e si estende per circa 130 metri di altezza.
È ancora sconosciuto il sistema di falde che la alimenta, essendo appunto nascosto all’interno della montagna.
Oltre alla Cascata, la riserva ha un altro valore naturalistico, ed è protetta dal comune di Morino e dalla Provincia. Qui si trova una grande varietà di piante, faggi, querce, aceri e una particolare specie animale abita in questi boschi: il tasso.
In più, il comune di Morino è sopravvissuto ad un catastrofico terremoto del 1915 ed oggi è insignito del titolo di Borgo Autentico d’Italia e di “Borgo Rifiorito” per il progetto di riqualificazione ad esso dedicato. 

Queste erano le nostre proposte estive per una vacanza in montagna in Abruzzo. E voi, preferite visitare la montagna in estate o in inverno?

Mappa interattiva di dove andare in montagna in estate in Abruzzo

Ho creato per voi una mappa interattiva che raccoglie le attrazioni citate in questo articolo, potete navigarla direttamente da qua!


Se il post vi è piaciuto, ricordatevi di pinnarlo!

Dove andare in montagna in estate in Abruzzo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *