La leggenda delle Sette Fate di Palermo

La Sicilia è una regione ricca di tradizione e di folklore e sono infinite le leggende che raccontano e spiegano i luoghi siciliani, come la leggenda del nome Sicilia. Si raccontano infatti storie millenarie, appassionanti come romanzi. Una di queste è legata ad una Piazza in particolare, che si trova a Palermo, Piazzetta Sette Fate.
Se non avete mai letto la leggenda delle Sette Fate di Palermo, eccola qui!

La leggenda della Piazzetta Sette Fate

Ci troviamo nel capoluogo regionale della Sicilia, Palermo, in particolare nel quartiere di Ballarò. Camminando tra i suoi vicoli, ci si imbatte in una piazzetta molto suggestiva e raccolta, con al centro una torretta merlata, che sembra quasi fuori posto. Si tratta in realtà di una torretta d’acqua, un’opera ingegneristica antica, di origine araba, legata all’acquedotto e al fluire delle acque. In buona sostanza, attraverso un sistema di cunicoli e di canali l’acqua di un fiume, destinata all’uso domestico, veniva raccolta in queste torrette disseminate per la città e poi distribuita ai suoi abitanti.

La torretta di cui parliamo si trova in Piazzetta Sette Fate e converrete anche voi che il suo nome è alquanto particolare.
Molti studiosi si sono domandati da dove derivasse questo nome e soltanto lo storico Giuseppe Pitrè ha trovato una spiegazione, scavando a lungo nel folklore popolare e nella tradizione. Nel suo volume Usi Costumi e credenze popolari, pubblicato nel 1889, Pitrè, parlando di Piazzetta Sette Fate, dice: 


‘Ntra stu Curtigghiu di li setti Fati, ‘nta la vanidduzza chi spunta ‘nfacci lu Munasteriu di Santa Chiara, vonnu diri ca la notti cci vinìanu sette donni di fora, tutti una cchiu bedda di ‘n’àutra. Sti donni si purtavanu quarchi omu o puramenti quarchi fimmina chi cci parìa a iddi, e cci facianu vidiri cosi mai visti: balli, sònura, cummiti, cosi granni. E vonnu diri puru ca si li purtavanu supra mari, fora fora, e li facianu caminari supra l’acqua senza vagnàrisi.
Ogni notti faciànu stu magisteriu, e poi la matina spiriànu e, un si nni parrava cchiui. Di ddocu nni veni ca stu curtigghiu si chiama lu curtigghiu di li setti Fati.”

Leggenda delle Sette Fate di Palermo

In buona sostanza, nei pressi del Monastero di Santa Chiara, la notte si ritrovavano sette donne “di fuori”, una più bella dell’altra. Andavano alla ricerca di un uomo (o di una donna) per portarla con loro e per mostrare loro cose mai viste. Canti e balli… ma non solo. Erano infatti solite portare le persone al mare, per farle camminare sulle acque, come per magia.
Ogni notte si ripeteva questo incantesimo ed ogni mattina sparivano nel nulla. Il luogo del loro ritrovo è stato appunto chiamato Piazzetta Sette Fate, in loro onore.

Ma chi erano queste sette fate? Le interpretazioni sono molteplici, suddivise tra le più realistiche e le più fantasiose.
Per alcuni, le “sette fate” non erano nient’altro che le lucciole, insomma, le prostitute, che facevano compagnia agli uomini, facendoli sparire per un’intera notte. Al loro ritorno, i mariti, non sapendo come giustificare la loro assenza, inventavano storie fantastiche, legate appunto alle fate e alle creature misteriose che li avevano rapiti e portati lontano.
Altri pensano invece che il nome Fate stia in realtà ad indicare le streghe. E la Sicilia è davvero ricca di storie con queste oscure figure come protagoniste. Le Magare di Sicilia, cioè le Maghe, sono figure antichissime, presenti nella tradizione siciliana da secoli. Si dice che queste donne magiche siano molto possessive, talvolta vendicative. Se venivano offese o abbandonate potevano causare malattie o, addirittura, la morte dei poveri sventurati.

Le Sette Fate di Sicilia, in particolare, appartenevano secondo alcuni ad un gruppo molto nutrito di streghe. Se ne contavano ben 33, discepole di una strega madre, e per tre volte a settimana si riunivano segretamente per decidere i successivi rapimenti e incantesimi.

Altri semplicemente pensano che le Sette Fate vivano ancora nella loro Torretta, proprio lì nella Piazza. In attesa dell’uomo o della donna giusta da accompagnare in viaggi meravigliosi e magici.


Voi conoscevate la Leggenda delle Sette Fate di Palermo? Cosa ne pensate?

E voi, siete mai stati in Sicilia? Conoscevate la storia delle Teste di Moro? Se volete conoscere un altro mito siciliano, leggete l’articolo La leggenda del nome Sicilia: la principessa orientale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *